fbpx
Conversion rate optimization

Conversion rate optimization (CRO) cos’è e a cosa serve

La CRO (conversion rate optimization) è un’attività composta da diverse fasi, che ha come scopo finale l’ottimizzazione dei tassi di conversione.

Che cos’è una conversione?

Le conversioni sono azioni che desideriamo che l’utente porti a termine all’interno del nostro sito o portale come l’acquisto, il download di un ebook, il download di un app, ect ect. Si dividono in macro e micro. Le macroconversioni rappresentano gli obiettivi finali, mentre le microconversioni sono delle azioni intermedie che precedono la macroconversione. Facciamo un esempio. Per un ecommerce la macroconversione è generalmente l’acquisto, la microconversione potrebbe essere invece l’aggiunta al carrello, la visualizzazione della pagina prodotto o l’iscrizione alla newsletter.  Tutte azioni, queste ultime, che possiamo definire propedeutiche alla macroconversione finale (nel nostro caso l’acquisto).

Cos’è il conversion rate?

Il conversion rate, o tasso di conversione, è la percentuale di visitatori che portano a termine una conversione all’interno del nostro sito o portale. E’ calcolato come rapporto tra conversioni e visitatori. Se ad esempio sul nostro ecommerce su 100 visitatori solo 2 convertono, avremmo un conversion rate del 2%.

In cosa consiste il Conversion Rate Optimization?

Attraverso attività di ottimizzazione dei contenuti e della UX, di segmentazione e personalizzazione della navigazione, l’attività di CRO cerca di migliorare il conversion rate. 

Per alcune tipologie di aziende anche l’incremento di piccoli punti percentuali può fare una grande differenza. Immaginate un ecommerce che in un anno fattura 50M di euro. Ecco, ora immaginato di riuscire ad aumentare di un solo punto percentuale il conversion rate di quell’ecommerce. Come avrete potuto capire, un’attività del genere può incidere fortemente sul fatturato complessivo dell’azienda.

Qual è la metodologia della CRO?

Le attività di Conversion Rate Optimization seguono un ciclo iterativo in cui il testing è un elemento centrale. Nel dettaglio possiamo individuare le seguenti fasi:

  • Analisi e ricerca, in cui vengono identificate le aree di miglioramento
  • Definizione delle Ipotesi, in cui vengono definite delle ipotesi di miglioramento
  • Prioritizzazione dei test, in cui vengono pianificati i test da effettuare sulla base delle ipotesi
  • Testing, in cui vengono implementati operativamente i test identificati
  • Apprendimento, in cui vengono analizzati i risultati dei test

Quali strumenti si utilizzano?

Per ogni fase del processo di Conversione Rate Optimization vengono utilizzati tool diversi. Come potete immaginare per la fase di analisi, oltre alle eventuali interviste, sono fondamentali i tool di analytics ( es Google Analytics, Adobe Analytics, Matomo, etc).

Altri tool utili alla fase di analisi sono sicuramente quei software che permettono l’analisi qualitativa della navigazione utente come Hotjar o Crazyegg.

Per la fase di testing invece i tool che mi è capitato di incontrare più spesso sono: Google Optimize, Adobe Target e Optimazley.